Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni
Tu sei qui: Home / Attualità / L’immigrazione richiede integrazione. L’integrazione richiede tempo.

L’immigrazione richiede integrazione. L’integrazione richiede tempo.

Manifestazione di inaugurazione della serie di conferenze internazionali in tre parti sul tema dell’immigrazione nello spazio alpino, il 22 e 23 gennaio 2016 a Grainau/D.

L’immigrazione richiede integrazione. L’integrazione richiede tempo.

© Fotolia, lassedesignen

Lo spazio alpino con la sua grande varietà è fortemente caratterizzato da flussi sia di immigrazione che di emigrazione. Chi decide di immigrare compie una scelta consapevole in favore di un tranquillo stile di vita in montagna e apprezza l’alta qualità della vita offerta dallo spazio alpino. Contemporaneamente alcuni abitanti lasciano le valli per trasferirsi nei centri urbani per avere un miglior accesso al mercato del lavoro e alle infrastrutture (digitali). L’attuale situazione dei rifugiati aggiunge un aspetto ulteriore: persone che arrivano nello spazio alpino, perlopiù senza volerlo, e devono prima di tutto fare conoscenza con questo particolare spazio vitale, con tutte le sue peculiarità e abitudini. Con il progetto “Vivere.Insieme nelle Alpi”, la Rete di comuni “Alleanza nelle Alpi” si occupa del vasto tema dell’immigrazione nello spazio alpino con l’obiettivo di offrire sostegno ai comuni e di elaborare possibili soluzioni.

Come si può affrontare il fenomeno dell’immigrazione e dell’emigrazione nel territorio rurale? Come trasmettere e sfruttare la varietà come chance? Che cosa significa cultura dell’accoglienza?

A Grainau rappresentanti dei comuni alpini provenienti da Germania, Austria, Italia e Slovenia si siedono attorno a un tavolo con l’obiettivo di trovare, attraverso lo scambio di esperienze, strategie e metodi per affrontare queste e altre questioni.

Le esigenze poste ai comuni sono di ordine molto diverso: sulla base di esempi concreti dai comuni di Dordolla/I, Garmisch-Partenkirchen/D, Hermagor/A, Ormea/I, Ruhpolding/D, Siegsdorf/D, Wörgl/A e Zwischenwasser/A saranno discussi in particolare i seguenti temi:

  • immigrazione di ceti elevati (amenity migration)/lifestyle migration
  • vivere in aree di emigrazione
  • cultura dell’accoglienza
  • immigrazione (di rifugiati) nelle aree rurali
  • integrazione: quanto tempo richiede l’integrazione?
  • convivenza: approccio aperto, aspettative

Dopo uno scambio intenso e costruttivo, alcuni temi vengono approfonditi nelle due manifestazioni che completano il progetto. Vengono formulate anche aspirazioni e obiettivi, come ad es.:

  • messa a disposizione di alloggi a prezzi accessibili
  • equilibrio tra immigrazione e gli interessi e le esigenze della popolazione locale
  • condizioni uniformi per i rifugiati
  • permanenza a lungo termine dei rifugiati nello spazio rurale per una migliore integrazione

I risultati del progetto saranno presentati il 14 ottobre 2016 a Grassau/D nell’ambito della Settimana alpina. Il progetto si avvale del sostegno della Presidenza tedesca della Convenzione delle Alpi per il biennio 2015-2016.

Navigazione